logo

AREA RISERVATA

logo

Ancora rimborsi milionari per gli specialisti: duro colpo per le casse dello Stato

Una nuova recente sentenza della Corte d’Appello di Roma riconosce altri 17 milioni a Consulcesi, che batte il suo record raggiungendo quota 362 milioni

Il Presidente Tortorella: “Risultati concreti e continui per i nostri medici”.

 

Un’inadempienza che lo Stato sta pagando a caro prezzo. Ed il rischio che il conto sia salato è sempre più alto: ben oltre i 4 miliardi di euro. Una recente sentenza della Corte di Appello di Roma ha condannato la presidenza del Consiglio dei Ministri ad un nuovo esborso, questa volta di oltre 17 milioni.

Somma a favore dei medici specialisti tutelati da Consulcesi, che – come migliaia di colleghi, tra il 1982 ed il 2006 – non avevano ricevuto un trattamento economico nonostante una specifica direttiva europea. Sul tema sono stati presentati anche tre Ddl, già all’attenzione del Parlamento, per arrivare ad un accordo transattivo. Nel frattempo però continuano ad arrivare sentenze a favore dei professionisti della sanità: solo Consulcesi si è già vista riconoscere oltre 362 milioni. Abbiamo fatto il punto con il Presidente Massimo Tortorella.

Consulcesi non si ferma nell’ottenere rimborsi per i medici.

“Siamo arrivati a un punto di non ritorno per lo Stato italiano perché, finalmente, tutti i soldi che noi ritenevamo dovessero essere rimborsati ai medici, ora vengono realmente assegnati attraverso le sentenze. Stiamo consegnando milioni ormai in tutte le Regioni, il nostro giro d’Italia continua a ritmi incalzanti: stiamo infatti rimborsando tutti quelli che ne avevano diritto ed hanno avanzato ricorso”.

E il prossimo 20 ottobre una nuova, l’ennesima azione collettiva, che sempre più alletta i tanti medici che possono ancora presentare domanda di rimborso.

“Sono rimasti ancora in molti coloro che hanno diritto al rimborso ma che non ne hanno ancora fatto richiesta. I tanti che non hanno creduto alle numerose sentenze emesse a favore dei professionisti da noi tutelati e che oggi si sono finalmente convinti;  per questo motivo abbiamo deciso di aprire una nuova possibilità di adesione: tutti i medici che vogliono aderire alla causa per il rimborso per gli anni di specializzazione dall’ ’82 al ’91 e dal ’94 al 2006, per le rispettive materie,  possono ancora farlo: per il mancato riconoscimento delle borse di studio nel primo caso e per l’adeguamento a livello contributivo, nel secondo”.

Continua su News Sanità Informazione