logo

AREA RISERVATA

logo

Sanità: 8 mln a medici Trapani esclusi da giusto compenso

La società “Consulcesi” ha consegnato stamani assegni per 8 milioni di euro a medici della provincia di Trapani che non avevano ricevuto il giusto compenso per gli anni di scuola post laurea. Il rimborso, frutto di una transazione, scaturisce da direttive europee a cui l’Italia non ha dato seguito, ragion per cui è stata condannata dalla Corte di giustizia. Il mancato adempimento ha creato contenziosi di fronte ai Tribunali di tutt’Italia da parte dei camici bianchi.

 “Continuiamo a promuovere cause collettive per tutti i medici specializzati tra il 1982 e il 2006 – spiega Edoardo Pantano, vicepresidente di Consulcesi – ma anche a sollecitare le istituzioni per risolvere definitivamente il problema. Abbiamo già ottenuto la presentazione di due disegni di legge, per tutelare i legittimi diritti al rimborso dei medici“.

Un ruolo di raccordo tra la società “Consulcesi” e gli ex specializzandi, l’ha avuto l’Ordine dei medici di Trapani. “Mi sento appagato – ha detto il vicepresidente dell’Ordine, Maurizio Terzo – anche perchè siamo stati, a Trapani, tra i primi in Sicilia a stipulare una convenzione con Consulcesi ed oggi le nostre aspettative hanno avuto una risposta concreta“. I medici interessati che intendono avvalersi della consulenza possono rivolgersi al proprio Ordine. “Chi non presenta richiesta di rimborso – ha puntualizzato l’avvocato Cristina Peghini di Consulcesi – è escluso anche con l’approvazione dei disegni di legge in itinere“. 

La nuova azione collettiva parte il 20 ottobre. Calcola gratis il valore del tuo rimborso: