logo

AREA RISERVATA

logo

background image

Numero chiuso a Medicina

Accesso ai corsi + rimborso fino a 10.000 euro

Mai come negli ultimi anni lo svolgimento del test d’ingresso alla facoltà di Medicina è stato viziato da manifeste irregolarità, puntualmente denunciate dagli studenti: disposizione non a norma delle postazioni, mancata schermatura delle aule, utilizzo di telefoni cellulari, errori nei quesiti somministrati, domande non inedite. Irregolarità aggravate dal fatto che, nonostante la graduatoria sia unica e nazionale, le prove di ammissione si tengono in diversi atenei d’Italia. 

Ecco perché è possibile contestare la graduatoria e fare ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) chiedendo l’adozione del provvedimento cautelare di sospensione e/o di iscrizione con riserva al corso, l’annullamento della graduatoria e la contestuale ammissione di tutti i ricorrenti, l’annullamento della graduatoria e dell’intera procedura di selezione, la dichiarazione dell’illegittimità della mancata copertura di tutti i posti disponibili indicati dagli atenei.

Richieste alle quali va naturalmente ad aggiungersi l’accesso immediato ai corsi presso il proprio ateneo e il risarcimento del danno – fino a 10.000 euro – per la mancata e/o ritardata iscrizione alla facoltà e quindi all’accesso del mondo del lavoro.

Le principali irregolarità durante il test d’ingresso:

disposizione non a norma delle postazioni
mancata schermatura delle aule
utilizzo di telefoni cellulari
errori nei quesiti somministrati
domande non inedite
background image

Richiedi una consulenza gratuita al numero verde 800.189.091