Consulcesi: supporto consulenziale per le Professioni Mediche
Menu

Entra nell'Area Riservata

Hai dimenticato la tua password?

Non sei iscritto? Prova Gratis Consulcesi Club

L’ipoglicemia spaventa ancora, ma nuove scoperte e prevenzione possono aiutare

05/10/2022

La ricerca scientifica compie costanti progressi nella gestione dei casi più gravi di ipoglicemia. La prevenzione e la diagnosi precoce continuano ad essere i migliori alleati del professionista della salute che oggi può formarsi in materia attraverso corsi interattivi.

L’ipoglicemia spaventa ancora, ma nuove scoperte e prevenzione possono aiutare

Le ipoglicemie rappresentano la complicanza acuta più comune tra le persone che soffrono di diabete. I casi di abbassamento di glucosio nel sangue sono più frequentemente riscontrati tra coloro che sono soggetti a trattamento insulinico, ma possono verificarsi anche durante terapie con antidiabetici orali.

 

Secondo l’ultimo report “Italian Diabetes Barometer Report” 2021, si registrano circa 9 episodi di ipoglicemia grave ogni anno per ogni 100 persone con diabete di tipo 2, e tra le persone più anziane, si arriva fino a 15 episodi.

 

Questi impattano la qualità della vita con costi indiretti e intangibili significativi. Da uno studio canadese è emerso infatti che “un terzo dei pazienti con ipoglicemia lieve/moderata e oltre l’80% di quelli con ipoglicemia severa hanno riferito maggiori paure delle ipoglicemie dopo l’evento”. In particolar modo, oltre la metà delle persone affette da episodi di ipoglicemia riducono la quantità di farmaci assunti (peggiorando così il loro controllo metabolico), e oltre l’80% registra una riduzione della produttività (nei casi gravi il 32% dei soggetti lascia il lavoro in anticipo e il 26% rimane a casa il giorno successivo a un evento).

 

Tipi di ipoglicemia e sintomatologia 

 

Tra le cause dietro l’insorgenza di episodi: un’inadeguata alimentazione, la scorretta somministrazione dell’insulina, l’abuso di alcolici e l’inadeguata attività fisica senza appropriata introduzione di carboidrati prima/durante e/o dopo l’esercizio. I sintomi possono variare da tremore, sudorazione, e palpitazioni nei casi di grado lieve, a cefalee, disturbi oculari, irritabilità e sonnolenza nei casi moderati, fino alla perdita di coscienza e causare una molteplicità di comorbidità potenzialmente fatali nei casi di ipoglicemia grave.

 

“L’abbassamento di glucosio mette a rischio, in primis e in particolar modo, il sistema nervoso, il cuore e le cellule nervose, tanto da poter favorire l’insorgenza di infarti, ictus e altre malattie cardiovascolari”, ricorda Vincenzo Toscano, Professore Ordinario FR di Endocrinologia presso l’Università Sapienza di Roma, ex-presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi nella quale ad oggi ricompre il ruolo di Coordinatore Editoriale e della FAD – introducendo il nuovo corso ECMPaziente virtuale: i disturbi da ipoglicemia. Diagnosticare e curare una sindrome ipoglicemica non comune”, realizzato con Consulcesi e aperto a tutti i professionisti della salute.

 

Reiterando l’importanza di incrementare l’informazione “non solo tra le persone affette da diabete ma anche tra amici e famigliari che sono a stretto contatto con questi”, lo specialista ricorda che gli episodi di ipoglicemia compaiono in particolare durante le ore notturne, oltre che dopo un’attività fisica e lontano dai pasti, e che “nei casi più gravi è spesso necessario l’intervento di altre persone per la somministrazione di glucagone”.

 

Scadenza triennio: sei in regola con gli ECM? Approfitta dello Sconto

Scopri Consulcesi Club e accedi a oltre 250 corsi online e 1.000 ECM per Medici e Operatori Sanitari. Approfitta dell’offerta e mettiti in regola entro il 31/12 con i crediti obbligatori.

Ricevi lo sconto

 

Novità nei trattamenti dell’ipoglicemia 

 

A tale proposito, l’ultima novità farmacologica è del 2020. Si tratta di uno spray intranasale che permette un più rapido e semplice intervento rispetto alla somministrazione intramuscolare o sottocutanea del glucagone tipicamente contenuto in fiale, che dovevano essere conservate in frigorifero. La nuova modalità poiché caratterizzata da assorbimento passivo rappresenta un importante aiuto soprattutto nella gestione degli episodi nei bambini e per i casi più gravi.

 

Anche la tecnologia arriva in supporto dei pazienti diabetici. Nuovi strumenti sono infatti disponibili per il controllo glicemico, come i sensori applicabili sulla cute della grandezza di una moneta che oltre ad avvertire con segnali acustici livelli di ipo e iper-glicemia, possono essere collegati al proprio cellulare permettendo un monitoraggio continuo.

 

Nuove scoperte 

 

Tra le ultime ricerche quella pubblicata su Frontiers in Endocrinology, e guidata dall’Università di Exeter, che mostrerebbe l’identificazione di un possibile nuovo target nel cervello, che mostra la necessità di una migliore comprensione della comunicazione cervello-pancreas nella gestione dell’ipoglicemia.

 

Come raccontano i ricercatori su News Medical, attraverso esperimenti di laboratorio su un “pre-clinical test compound” (R481) hanno visto che questo entra nel cervello attivando l’AMPK, un importante indicatore dello stato energetico dell’organismo. Durante lo studio si è inoltre scoperto che “il farmaco aumenta la difesa ormonale contro l’ipoglicemia, aumentando il rilascio del glucagone da parte del pancreas”.

 

Craig Beall, tra gli autori senior della ricerca, ha dichiarato: “I nostri risultati suggeriscono che l’accensione del misuratore di carburante nel cervello che abbiamo identificato potrebbe essere utile per prevenire l’ipoglicemia. Nel lungo termine, il nostro obiettivo è quello di creare una pillola che possa essere ingerita prima di andare a letto, per prevenire le ipoglicemie notturne. (…) Speriamo che un giorno potremmo essere in grado di dare un po’ di pace alle persone diabetiche e ai genitori dei tanti bambini con diabete che non dovranno più temere un terribile episodio notturno”.

Il nuovo corso di formazione Consulcesi 

 

Solo in Italia, ad oggi oltre 200mila tra bambini e adolescenti convivono con il diabete mellito. Con l’incidenza in costante aumento pressoché in tutto il mondo, questa patologia rappresenta la più frequente malattia endocrina in età pediatrica e l’ipoglicemia la sua complicanza più temuta.

 

“Con le indagini che mostrano un aumento di casi di obesità tra le patologie correlate allo sviluppo di diabete di tipo 2 ma non solo è fondamentale incoraggiare i cittadini ad una maggiore prevenzione e parallelamente continuare a formare i professionisti della salute per una diagnosi precoce e sulle ultime scoperte scientifiche”, conclude Toscano che nel nuovo corso interattivo accompagna il professionista nell’esecuzione di un’anamnesi accurata e l’individuazione del percorso diagnostico più appropriato attraverso l’utilizzo del ‘paziente virtuale’.

 

La formazione a distanza, parte del catalogo Consulcesi e disponibile fino al 31 dicembre 2022 (termine ultimo per l’acquisizione dei crediti formativi ECM obbligatori) permette al partecipante di “imparare per errori”, attraverso la simulazione di casi clinici e un consulto medico. Questo potrà interagire con il paziente, richiedere altri esami diagnostici, prescrivere farmaci ed eventuali terapie.