AREA RISERVATA

Come migliorare la reputazione online: 5 consigli utili

Cosa fare per migliorare la propria reputazione online? Ecco 5 consigli facili e veloci per avere la situazione sotto controllo ed evitare spiacevoli sorprese

Come può un professionista sanitario migliorare la propria reputation online? È una domanda che si fa chiunque voglia puntare anche su internet per mettere in mostra le proprie qualità professionali, oltre che i servizi offerti, e ampliare, in questo modo, la platea di pazienti. Vale ovviamente anche il concetto speculare, ovvero che se da un lato si vuole migliorare la propria immagine sul web per avere un maggior ritorno in termini di successo personale e lavorativo, dall’altro si vuole far di tutto per evitare che la propria immagine venga infangata, con il rischio di ripercussioni anche molto serie dal punto di vista professionale e familiare. Insomma, fare quel che serve per veicolare la miglior immagine che abbiamo di noi stessi anche sul web è uno degli imperativi di questi tempi. Ecco di seguito cinque consigli da seguire per migliorare la propria reputazione online.

Contenuti di qualità

Qualunque operatore sanitario che vuole ampliare la propria presenza sul web (con conseguenze il più possibile positive per la sua immagine) non può esimersi dal dare prova tangibile delle sue abilità e delle sue conoscenze. È possibile farlo sia attraverso un sito internet personale che attraverso i propri social network. Brevi video con informazioni utili per i potenziali pazienti, articoli divulgativi in cui fare chiarezza su determinate questioni, e così via. Il ventaglio di possibilità è ampio e qualsiasi argomento va affrontato con serietà e coerenza.

Essere sempre gentili e ben disposti

Non c’è niente di peggio per compromettere la propria reputazione online che essere scortesi, poco presenti e insensibili alle richieste degli utenti che possono rappresentare nuovi possibili clienti. Ogni azienda cerca di avere un customer care di qualità. Lo stesso dovrebbe fare il professionista (personalmente o attraverso un collaboratore di fiducia), perché risposte chiare, veloci e, soprattutto, gentili sono il modo migliore per portare dalla propria parte anche le persone più scettiche e meno ben disposte.

Monitorare la propria brand reputation

Bisogna essere sempre attenti e con le orecchie ben dritte. Basta poco, anche solo un commento negativo su un social network o un forum d’opinione per vedersi d’improvviso scaraventati al centro di una polemica che non può che compromettere la propria reputazione in maniera anche grave. Per questo è necessario cercare sul web possibili informazioni, opinioni o notizie che riguardano sé stessi. Si tratta di un esercizio che va fatto costantemente. Non per forza tutti i giorni, ma di certo ad intervalli regolari a breve distanza l’uno dall’altro.

Intervenire con rapidità sui commenti o le notizie negative

Solo essendo costantemente aggiornati su cosa dice il web su sé stessi si può intervenire rapidamente e cercare di “placare gli animi”, con le risposte o le chiarificazioni del caso (da esporre sempre in maniera assolutamente gentile e propositiva). Se si tratta di commenti su un social network, si può rispondere in maniera diretta alla persona che ha “lanciato la pietra”. Se si tratta invece di una notizia mal riportata o diffamatoria, si può intervenire anche legalmente.

Affidarsi a chi opera con successo nel settore

La soluzione ottimale per svolgere al meglio questo “lavoro” (che, come evidente, richiede tempo, molta attenzione e nervi saldi) è affidarsi a chi lo fa da anni per professione. Esistono realtà che monitorano la presenza di una determinata persona sul web, fanno un’analisi del “sentiment” nutrito dai naviganti nei suoi confronti e provvedono ad eliminare commenti o notizie ritenute lesive per la sua immagine.