Consulcesi: supporto consulenziale per le Professioni Mediche
Menu

Entra nell'Area Riservata

Hai dimenticato la tua password?

Non sei iscritto? Prova Gratis Consulcesi Club

Reputazione online positiva: i 5 consigli per costruirla

09/09/2022

I 5 consigli per costruire una reputazione online positiva che ci rispecchi il più possibile, ricordando che ad ogni biografia ferita corrisponde la possibilità di esercitare il diritto all’oblio.

Reputazione online positiva: i 5 consigli per costruirla

Che la reputazione ci preceda di almeno due passi è un’antica legge del marketing che va rispettata anche quando ci riferiamo al personal branding. Perché dovrebbe essere diverso nell’era digital? Costruire una reputazione online positiva è il primo passo verso il successo, ma di certo non può bastare essere dei bravi professionisti soltanto online, occorre fare attenzione a diverse sfumature.

 


La tua reputazione online è fondamentale. Sai quali informazioni circolano in rete sul tuo conto? Scoprilo!


 

I 5 consigli per costruire la tua reputazione online positiva 

 

Sapere quali informazioni circolano di noi in rete è un passo fondamentale per avere sempre il polso della nostra reputazione online. Tutte le volte che la nostra immagine on-line viene in qualche modo danneggiata, ci può supportare il cosiddetto  diritto all’oblio. Per questo è importantissimo monitorare ed essere al corrente di tutto ciò che si dice sul nostro conto. Ancor più importante è che non siano soltanto gli altri a parlare di noi! Le nostre esperienze, il nostro percorso, la nostra carriera parla di più di qualsiasi altra cosa o persona. Mostrarsi raccontando fatti ed esperienze vissute, ambizioni, soddisfazioni ed errori ci renderà più credibili al popolo del web e costruirà affidabilità a cui seguiranno di certo relazioni proficue e interessanti per la nostra crescita personale e professionale.

 

Vuoi sapere quali contenuti online circolano su di te? Fai un'analisi gratuita

Consulcesi può aiutarti a tutelare la tua immagine online e ad esercitare il Diritto all’Oblio, grazie a un servizio innovativo che combina tecnologia d’avanguardia e competenze in ambito tecnico-legale.

Scopri di più

 

Cancellazione e deindicizzazione, esercizio e consapevolezza del diritto all’oblio sono soltanto un rimedio alla denigrazione della nostra reputazione online. Ma come fare a costruirla e renderla più positiva e veritiera possibile?

 

Le relazioni offline hanno ragione di esistere anche online [1]

 

Non serve a nulla costruirsi diversi tipi di relazione. Le relazioni professionali hanno tutte un unico scopo: arricchirsi vicendevolmente, creare una sana competizione e – perché no? – qualche collaborazione proficua!

 

Che nascano online o di presenza, le relazioni hanno tutte il valore che noi decidiamo di attribuire loro.

 

Incontrarsi di persona e costruire relazioni offline, quindi, è un ottimo modo per poter approfondire e proseguire la conoscenza online. Per questo, avvalersi di una reputazione online positiva è un ottimo punto di partenza.

 

Comunicare con costanza, ma solo contenuti di valore [2]

 

Avere un piano di comunicazione potrebbe aiutarci a migliorare la nostra web reputation, oltre che il nostro profilo LinkedIn o ad aprire dibattiti su Twitter, ma è importante:

  • Non cadere nel banale
  • Non utilizzare contenuti a caso, soltanto per pubblicare dei post
  • Non essere noiosi con argomenti già analizzati in lungo e in largo
  • Non parlare degli altri o degli argomenti che non rientrano nelle nostre competenze o esperienze

 

Scrivere un piano di comunicazione per far accrescere la nostra reputazione online significa mettersi in gioco, uscire allo scoperto in maniera costruttiva e non aver paura del confronto. Significa, inoltre, stare sempre sul pezzo, essere attento ai temi di attualità che sono più affini alla nostra professionalità e, di tanto in tanto, ricordare quali servizi possiamo offrire, in cosa siamo specializzati, senza mai tralasciare la sfera umana.

 

La cura sta nei dettagli, anche delle pagine social e siti web [3]

 

Avere un sito web, anche solo vetrina, può aiutare l’utente, il cliente, il collega ad avere subito una buona impressione di noi. Se la professionalità deve stare al primo posto, allora dobbiamo ricordare che la forma è sostanza e che quella forma deve parlare in tutto e per tutto di noi. Avvalersi dei giusti professionisti del digitale per costruire un sito web su misura per noi è sicuramente il primo passo.

 

I social rappresentano la nostra finestra sul mondo e, in un modo o in un altro, raggiungono il nostro target e non solo. Ma è necessario utilizzarli con consapevolezza e differenziare i contenuti in base al media utilizzato. Quindi contenuti più visual su Instagram, più testuali su Linkedin, meno formali su Facebook, più attuali e generali su Twitter. In caso di dubbi, chiedere consulenza al Social Media Manager è solo sinonimo di professionalità e di voglia di valorizzare il proprio operato oltre alla propria immagine professionale.

 

Essere presente e partecipare attivamente alla community di settore [4]

 

Il web è ormai in tutto e per tutto un mondo a parte e diventa importante frequentare le piazze che ci sono più affini, anche online. È necessario, quindi, partecipare alla community di settore e farlo attivamente con reaction, commenti e post che possano dar seguito a dibattiti e confronti.

 


Mettere a nudo le proprie idee può aiutare a crescere professionalmente, mettendosi in discussione e può tradursi in una condizione adatta a creare altre relazioni professionali.


 

Parlare di sé, senza essere autoreferenziali [5]

 

Essere autoreferenziali è un effetto collaterale che, a volte, può distruggere o distorcere la nostra vera essenza professionale facendoci apparire troppo presuntuosi o sicuri. In tal caso, sarà necessario rimodulare i propri contenuti, utilizzare il giusto linguaggio, scegliere il giusto tone of voice con cui rivolgersi al nostro target.

 

Potrebbe sembrare tutto molto complicato, in realtà è una questione di pratica. Come diceva Cicerone è importante avere in sé il concetto, le parole verranno da sé.