Consulcesi: supporto consulenziale per le Professioni Mediche
Menu

Entra nell'Area Riservata

Hai dimenticato la tua password?

Non sei iscritto? Prova Gratis Consulcesi Club

Sanità digitale: l’e-health e i suoi vantaggi

25/07/2022

La sanità digitale: cos’è e come funziona. Un panorama relativo alla sanità del futuro, attraverso gli strumenti innovativi e tecnologici utili anche nel rapporto medico-paziente.

Sanità digitale: l’e-health e i suoi vantaggi

Il termine digital health, il sinonimo e-health o, in italiano, salute digitale possono indicare tutti gli aspetti della salute connessi al mondo digitale oppure riferirsi alla connected and mobile health(care). In quest’ultima accezione gli aspetti della connessione a Internet e della mobilità delle tecnologie rappresenta un aspetto caratterizzante dell’e-health e un metodo di facilitazione della cura e della presa in carico del paziente.

 

La sanità digitale, quindi, può essere intesa in maniera ampia e includere anche aspetti come problemi medici e ripercussioni sulla salute connessi con l’uso delle tecnologie digitali (ad esempio cattiva postura davanti al computer, uso eccessivo o insonnia dovuta a questo) oppure – come intendiamo in questa sede – si traduce nell’uso di tecnologie informatiche e di telecomunicazioni (CT) a vantaggio della salute umana.

 

Così, è intesa anche secondo l’OMS e comprende tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione necessarie per far funzionare il sistema sanitario. L’applicazione efficace e mirata della tecnologia a servizio dei pazienti è stata avvalorata come “preziosa” nel periodo di lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19, ma in generale rappresenta un buon metodo per apportare importanti benefici al sistema e quindi alla collettività. Sono state ideate e messe a punto nuove soluzioni salvavita oppure ausili personalizzati per migliorare significativamente la qualità della vita delle persone, il rapporto medico-paziente e l’efficienza delle strutture mediche.

 


In pratica, la digitalizzazione pervasiva dei servizi sanitari ha quindi spalancato le porte a nuovi modelli di accesso alle cure che mettono il paziente al centro di percorsi più virtuosi e personalizzati. Percorsi improntati a una gestione più efficiente della spesa pubblica, al miglioramento della qualità della vita dei pazienti cronici, al potenziamento dei servizi di medicina territoriale.


 

Quali sono i vantaggi dell’e-health? 

Economia circolare e sostenibilità costituiscono l’asse portante delle ultime riforme e in tal senso anche l’e-health aiuta il giro d’affari globale. La stima degli esperti prevede che il settore cresca del 14,8% in 5 anni. Un incremento che si abbina ai benefici apportati alla sanità pubblica e al paziente che vede spostare il centro delle sue cure sempre più vicino al suo domicilio. Questo tipo di medicina innovativa e territoriale può diffondersi con indubbi vantaggi per la collettività e favorendo lo spostamento delle cure verso i metodi di prevenzione. In tal modo le diagnosi saranno più accurate e repentine, con trattamenti terapeutici meno invasivi.

 

La digitalizzazione delle cure e dell’accesso ai servizi sanitari, con i suoi innumerevoli vantaggi, è un terreno sui cui spesso non c’è ancora abbastanza padronanza e consapevolezza. Per questo, il team legale di Consulcesi è pronto a supportare i medici che si adatteranno a questi sistemi e tutti coloro i quali abbiano bisogno di un chiarimento.

 

Consulcesi Club: consulenze legali illimitate con Mio Avvocato

Consulenze giuridiche illimitate in ambito civile, penale o lavorativo per rispondere a tutte le tue domande e indirizzarti verso la soluzione migliore. Attiva la prova di 30 giorni di Consulcesi Club e ricevi assistenza legale gratuita.

Scopri di più

 

Come funziona l’e-health?

Lo sviluppo di App mobile e piattaforme software permettono il monitoraggio permanente e costante del paziente. Inoltre, grazie all’apporto di tecnologie di analisi e Big Data applicati è possibile ottimizzare il processo di sviluppo della medicina di precisione.

 

A tutto ciò si aggiunge la gestione centralizzata e in tempo reale delle informazioni sul paziente, la robotica, l’implementazione di approcci intelligenti e connessi di Internet of Medical Things.

L’e-health si traduce in maniera concreta in:

  • Cartella elettronica e Fascicolo Sanitario Elettronico:

le cartelle di ricovero ospedaliero digitalizzate servono a centralizzare la gestione delle informazioni nel corso della sua degenza, così da rendere i dati facilmente accessibili e condivisibili per tutta l’équipe medica. Il Fascicolo Sanitario Elettronico è il database online che raccoglie i dati sanitari dei cittadini in formato digitalizzato e dà la possibilità di prenotare e disdire appuntamenti presso le strutture sanitarie pubbliche o convenzionate a quella e di scegliere o cambiare il medico di famiglia. Il Garante della Privacy ha inoltre dato l’OK all’istituzione dell’Anagrafe Nazionale Assistiti (ANA).

 

Leggi anche Dossier sanitario: l’accesso ai dati sanitari è consentito solo a chi ha in cura il paziente

 

  • Medicina preventiva e percorsi di cura ottimizzati: 

grazie agli algoritmi di intelligenza artificiale, i dati rilevati in fase di prima visita o controllo migliorano l’accuratezza della diagnosi e permettono di definire percorsi terapeutici ottimizzati. Attraverso lo stesso impianto tecnologico è possibile stimare il decorso post-operatorio, identificando i pazienti che hanno maggior probabilità di sviluppare complicazioni, predisponendo, quindi, idonee procedure di intervento precoce.

 

  • Videoconsulti: 

una pratica già piuttosto diffusa in Italia: lo specialista, in collegamento con il paziente attraverso un’app per smartphone, potrà compiere screening e visite di controllo attraverso una diagnosi di tipo visivo.

 

  • Telemonitoraggio

soprattutto nel trattamento delle malattie croniche, l’utilizzo di dispositivi indossabili (wearable) in abbinamento a un’App per smartphone permette di acquisire in tempo reale i dati relativi a parametri rilevanti senza che i pazienti si debbano recare dai medici di base o in ospedale.

 

  • Monitoraggio dell’aderenza terapeutica:

tramite app per smartphone si può creare un collegamento in video con il farmacista e il medico. Il paziente è così monitorato e ci si assicura che assuma il dosaggio di farmaco prescritto, che lo faccia nel momento giusto e secondo le modalità indicate.

 

  • Riabilitazione e sorveglianza: 

nell’ambito dell’eHealth, anche le tecnologie di realtà aumentata e virtuale trovano ampio spazio, soprattutto per quanto riguarda i servizi riabilitativi e la Smart surveillance dei pazienti psichiatrici, attraverso l’analisi video in tempo reale non solo nelle camere di degenza, ma anche nei corridoi e negli spazi comuni.

 

  • Telementoring e remote surgery: 

lo sviluppo della chirurgia e del telemonitoraggio da remoto che agevola e affianca gli specialisti.

 

  • Droni per il trasporto rapido di organi e sangue 

 

  • Ambulanze connesse: 

aiutano i servizi di emergenza a raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi. I dispositivi IoT sono immediatamente trasferiti alla centrale operativa e pronto soccorso dell’ospedale. In questo modo, il personale ospedaliero avrà la possibilità di comprendere meglio lo stato di salute complessivo del paziente ancora prima del suo arrivo, garantendo l’efficienza complessiva dei servizi di emergenza.

 

Sicurezza e affidabilità dell’e-healt

I sistemi sanitari sono pronti ad adeguarsi e creare una “porta d’accesso digitale” che consenta a qualsiasi paziente di navigare facilmente nel sistema sanitario, potendo gestire le interazioni di routine, come fissare un appuntamento, pagare un ticket, trovare un medico, avere risposte concrete a domande sulla salute. In tal modo, lo strumento agevolerà l’affidabilità e il senso di fiducia nei confronti del personale medico, in maniera controllata e sicura.