Consulcesi: supporto consulenziale per le Professioni Mediche
Menu

Entra nell'Area Riservata

Hai dimenticato la tua password?

Non sei iscritto? Prova Gratis Consulcesi Club

Il ruolo della tecnologia nella medicina: dall’e-health alla formazione continua

29/08/2022

Dalla telemedicina alla formazione interattiva: come la tecnologia sta entrando sempre più nel sistema sanitario con ‘pazienti virtuali’ e corsi ECM interattivi.

Il ruolo della tecnologia nella medicina: dall’e-health alla formazione continua

La tecnologia sta entrando sempre più a far parte del modo in cui ci prendiamo cura della nostra salute. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità definisce la telemedicina una priorità a livello globale e, nelle linee guida definite per il migliore utilizzo della tecnologia a favore del paziente, evidenzia i possibili benefici legati alle operazioni di decision-making, nella gestione dei farmaci e nei servizi di telemedicina.

 

Se in Europa la sanità digitale ha iniziato a svilupparsi con maggiore incidenza e rapidità negli ultimi dieci anni, arrivando oggi a rappresentare il secondo più grande mercato mondiale dopo gli Stati Uniti con un valore di 41 miliardi di dollari, equivalente a un +412% in 5 anni, il nostro Paese, causa una mancanza di risorse e strumenti organizzativi, sta vedendo solo in questi ultimi anni significativi investimenti per adeguare medici e SSN al resto del continente.

 

Ad oggi in Italia, il più grande contributo alla transizione digitale, pari a oltre 12 miliardi di euro, è contenuto nel Pnrr che nella digitalizzazione di servizi e informazioni vede il futuro del Servizio Sanitario Nazionale.

 

I benefici della telemedicina

Sotto il grande ombrello delle soluzioni di “e-health” (o salute digitale) la telemedicina rappresenta sicuramente uno dei principali strumenti.

Questa, basata sull’integrazione tra le tecnologie dell’informazione e della comunicazione con i tradizionali metodi di visita medica e nuove tecniche diagnostiche e terapeutiche, se implementata in modo efficace, permette di migliorare i servizi d’assistenza riducendo tempi e costi sia per il paziente che per il SSN, permettendo di raggiungere coloro che vivono in aree remote e quindi il raggiungimento di un più ampio numero di persone.

 

Ma la telemedicina può potenzialmente interessare ogni aspetto del processo di assistenza: dalla prevenzione, attraverso strumenti di tele-monitoraggio, ai tele-consulti e all’utilizzo del Fascicolo sanitario elettronico (FSE)  che permette di raccogliere la storia clinica di una persona in modo sicuro e accessibile, all’intelligenza artificiale per una migliore analisi dei dati e quindi di diagnosi, fino alla stampa 3D e alla chirurgia robotica.

 

Recenti ricerche mostrano un aumento del numero di medici e degli altri professionisti sanitari che utilizzano la telemedicina, come testimonia l’ultimo “Rapporto civico sulla salute”, a cura della onlus Cittadinanzattiva e il Report TeleDerma realizzato da Deloitte Consulting in collaborazione con AbbVie e Galderma, secondo cui negli ultimi anni sono cresciti in modo esponenziale le pratiche di teledermatologia. In Italia, per far sì che la tecnologia da sperimentazione entri a far parte integrante del sistema sanitario, è necessaria una maggiore formazione del personale.

 

Formazione e Telemedicina

 

Non a caso alcune università italiane hanno iniziato a sviluppare programmi attorno alle nuove tecnologie e alla loro applicazione clinica, sia in ambito diagnostico che terapeutico. È questo il caso del progetto MEET, programma d’insegnamento comune di Medicine Enhanced by Engineering Technologies realizzato dall’Università di Pavia, dall’Università di Pisa, dalla Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia.

 

Non meno virtuoso è l’esempio dell’Università degli Studi di Brescia che attraverso il progetto Light – Lifescience Innovation Good Healthcare Technology – nato dalla collaborazione tra pubblico e privato prevede di investire 19,5 milioni di euro per sviluppare tecnologie sanitarie che guardano all’intelligenza artificiale, ai big data e alla costruzione di piattaforme per la condivisione dei dati raccolti.

 

Anche per quanto riguarda l’aggiornamento delle conoscenze, sempre più corsi si stanno sviluppando attorno al tema della tecnologia e allo stesso tempo sfruttando questa.

 

Come quelli realizzati da Consulcesi Club che, partendo da un quadro generale sulle nuove tecnologie applicate al mondo della sanità, come il corso “E-Health. Il futuro dell’assistenza sanitaria”, si vanno poi a ramificare attraverso le varie specializzazioni mediche con approfondimenti sulle ultime novità in termini di impiego delle tecnologie: dalla telemedicina nell’ambito diabetologico e dell’obesità fino al follow-up a distanza della maternità, passando per il nuovo quadro normativo che dovrà necessariamente seguire allo sviluppo dei nuovi sistemi.

 

Un nuovo modo di formarsi: il paziente virtuale

 

Da soggetto a strumento: la tecnologia può divenire un potente alleato del medico in formazione che, desideroso di migliorarsi, per senso di responsabilità deontologica e in ultimo per adempire all’obbligo formativo sancito dalla Legge, decide di svolgere corsi di formazione a distanza.

 

Scadenza triennio formazione Medici e Sanitari 2020-2022. Sei in regola con gli ECM?

Accedi al più ampio catalogo con oltre 250 corsi e 1.000 crediti ECM di Consulcesi Club. Attiva la prova gratuita di 30 giorni, segui i corsi e mettiti in regola con i crediti.

Scopri di più

 

Ma non solo, innovazioni come visori 3D e strumenti chirurgici virtuali permettono di simulare tecniche e migliorare le abilità manuali in campi come la chirurgia mininvasiva in cui era quasi impossibile fare esperienza diretta prima.

 

C’è poi il ‘paziente virtuale’ che si può incontrare tra i nuovi corsi ECM di Consulcesi Club.

Come in una sorta di gioco di ruolo, il medico partecipante si ritrova virtualmente seduto di fronte ad un paziente che lamenta disturbi specifici.

 

Nel corso interattivo il professionista dovrà quindi interagire (attraverso frasi e opzioni proposte dal menu) con il paziente: può effettuare una visita virtuale, prescrivere farmaci, terapie ed esami, oltre a controllare e modificare gli stili di vita del paziente per arrivare alla completa guarigione.

 

Nel catalogo di Consulcesi questo approccio innovativo alla formazione è risultato essere particolarmente funzionale per una migliore preparazione dei professionisti su una molteplicità di tematiche come diabete, problemi cardiovascolari, ipertensione in gravidanza, fino a politraumi, sindrome astenica e alimentazione.

 

Come nel caso del corso “Paziente virtuale: i disturbi da ipoglicemia. Diagnosticare e curare una sindrome ipoglicemica non comune”, il professionista viene guidato attraverso il caso clinico di una persona con una sindrome ipoglicemia e attraverso snodi decisionali arriverà a definire la diagnosi e la corretta cura, supportato da spiegazioni e rimandi alla letteratura scientifica.

 

Anche nel corso relativo alla gestione dell’ovaio policistico attraverso una corretta alimentazione, grazie all’uso del paziente virtuale, i professionisti possono approfondire abitudini e stili di vita per andare a definire la dieta più adatta per intervenire sul calo ponderale e in generale sul disordine metabolico che riguarda le pazienti affette da questa patologia.

 

La nuova tecnologia permette, oltre ad apprendere “per prove ed errori”, ponendo il professionista in un ruolo attivo e permettendogli di testare le proprie conoscenze, di rinnovare la capacità d’ascolto che ogni camice bianco dovrebbe avere e coltivare per poter instaurare un rapporto di fiducia e collaborazione con il paziente.

 

Questo risulta particolarmente vero nel caso di malnutrizione, come può essere quella proteicocalorica che interessa molti gli anziani con conseguenze significative sui tempi di recupero da una patologia acuta, ritardando la guarigione delle ferite, indebolendo il sistema immunitario e le capacità dell’individuo. Sarà compito dello specialista, in primo luogo, diagnosticare la gravità del disordine, le eventuali complicanze e supportare il paziente attraverso terapie alimentari che prevedano l’integrazione con specifici supplementi nutrizionali orali, integratori di vitamine e sali minerali o di aminoacidi essenziali e, eventualmente, ponendo l’indicazione alla nutrizione artificiale, o all’ospedalizzazione nei casi più gravi.