logo

AREA RISERVATA

logo

Tortorella, Presidente Consulcesi, su lavoro di formazione e prevenzione per i medici e il film e-bola

In occasione della conferenza stampa organizzata a Torino dal Gruppo Consulcesi con i rappresentanti delle istituzioni e degli organi di categoria medica, durante la quale sono stati consegnati assegni di rimborso per gli anni di specializzazione ad alcuni medici di Torino e delle altre province del Piemonte per un valore complessivo di 9 milioni di euro a causa della mancata attuazione delle Direttive Europee, il Presidente del gruppo Massimo Tortorella ha rilasciato un’intervista dedicata ad un altro tema attuale che sta molto a cuore per i medici: la formazione.

Riteniamo che sia un bene che debba riguardare tutto il mondo medico. Capita spesso, infatti, che sebbene le persone abbiano una stessa malattia vengano però curate in modo diverso; questo a causa di una differente formazione, spesso di vecchio stile e modalità obsolete”. La soluzione proposta dal Presidente Tortorella è quella della formazione a distanza (FAD): “si apre un nuovo modo di fare formazione, grazie alla possibiltià di potersi aggiornare anche in multilingua senza nessun tipo di problema o impedimento“.

Siamo di fronte quindi ad una nuova frontiera della formazione: “L’ abbiamo sdoganata noi, realizzando un vero e proprio film-formazione che abbiamo presentato al festival di Roma (ottenendo il premio della critica), ai vari festival a livello mondiale e anche al Ministero della Salute: stiamo parlando di e-bola; il lungometraggio in sè si ispira al medico italiano che ha contratto l’ebola nel periodo in cui svolgeva la sua missione in Africa, ma allo stesso tempo presenta anche una parte educativa; gli stessi attori protagonisti, infatti, hanno partecipato alla realizzazione di video formativi destinati agli addetti ai lavori“.

Un nuovo modo di fare film e un nuova frontiera per la formazione:il film, girato in America, Italia, Africa e inghilterra in lingua inglese, è quindi un prodotto internazionale ma allo stesso tempo anche made in Italy, ed è prodotto dalla Falcon Production, azienda appartenente sempre al gruppo Consulcesi“.

 

Fonte: Affari Italiani