AREA RISERVATA
Precedente Successivo

Genova. Nuova sentenza per gli ex specializzandi. Consulcesi: “Altri 2 mln per i medici”

Sono 60 i milioni consegnati solo negli ultimi mesi. Oltre 373 mln il totale riconosciuto ad oggi ai medici tutelati da Consulcesi. La responsabile dell’Area Legale, Sara Saurini: “Il nostro 2015 è iniziato con la cifra record, ma è un risultato che contiamo di migliorare in brevissimo tempo”.

Altre vittorie in Tribunale, nuove azioni collettive, ancora rimborsi. Il 2015 dei medici Consulcesi si è aperto con il ‘botto’. A Genova sono stati consegnati oltre 2 milioni a decine di camici bianchi, tutti ex specializzandi liguri. Gli assegni di rimborso – completamente esentasse – sono stati distribuiti ad oltre 20 professionisti genovesi nell’ambito di una sentenza che ha riconosciuto il diritto – sancito da una direttiva Ue, ma negato dallo Stato italiano – ad un totale di 66 medici. “Sono felice per i colleghi – ha dichiarato Enrico Bartolini, Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri provinciale di Genova – e va riconosciuto che questo risultato è stato raggiunto grazie alla professionalità e alla competenza dei legali Consulcesi“.  Prosegue dunque il “Giro d’Italia dei rimborsi” con una nuova vittoria per i medici tutelati che ad oggi si sono visti riconoscere un totale di oltre 373 milioni di euro, 60 dei quali consegnati soltanto negli ultimi mesi nelle principali città italiane. Si tratta di una cifra che, vista la mole di ricorsi presentati e la grande velocità alla quale ormai arrivano le sentenze, è destinata a salire ancora in brevissimo tempo. Basti pensare che il 2014 era iniziato con un totale di 327 milioni riconosciuti, saliti poi a 345 già ad aprile e a 362 lo scorso ottobre. 

Questa rapidità – spiega il legale Marco Tortorella – si deve sostanzialmente a due fattori: una giurisprudenza ormai consolidata e totalmente favorevole al medico ricorrente e la presa d’atto della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Lo Stato, infatti, ormai paga spontaneamente e subito, già dopo la notifica della sentenza per risparmiare su spese e interessi“. Il rischio totale per le casse pubbliche supera infatti i 4 miliardi di euro. Al fine di evitare una simile eventualità, Consulcesi ha già ottenuto la presentazione di tre Disegni di legge volti a garantire il diritto dei medici ed evitare allo Stato un esborso eccessivo; diritto al risarcimento che spetta però solo a coloro che avranno fatto ricorso prima della trasformazione in legge. […]

Ed è giusto sottolineare – ha affermato Sara Saurini, responsabile dell’Area Legale di Consulcesi – che non si tratta di un premio, ma del riconoscimento di un diritto che era stato negato, ma che non lo sarà più. A breve, infatti, non ci saranno più ex specializzandi senza rimborsi. La prossima azione collettiva per il rimborso degli anni di specializzazione non correttamente retribuiti – annuncia – è imminente. […] Resta alta la nostra attenzione anche sul fronte della mancata applicazione della direttiva europea 88/2003/CE relativa alle ore di lavoro in più. […] Per questo motivo, per qualsiasi informazione specifica sono già a disposizione oltre 350 avvocati e consulenti legali che rispondono gratuitamente al numero verde”.