AREA RISERVATA
Precedente Successivo

Medici in corsia senza retribuzione: risarcimento da 15 milioni di euro

Lo Stato paga gli ex-specializzandi

Mi rallegro per i colleghi che oggi ottengono finalmente un diritto dovuto e per troppo tempo negato” dice Roberto Monaco, segretario nazionale Federazione medici e già presidente dell’ordine dei medici di Siena annunciando la vittoria della causa legale collettiva che ha visto coinvolti anche 7 medici senesi.

Al centro del contenzioso erano 470 medici in corsia – in gran parte toscani – che si sono specializzati tra il 1978 e il 2006, ma che non hanno ricevuto fino ad oggi il corretto trattamento economico, nonostante fosse previsto dalle direttive Ue. A Firenze sono stati dunque consegnati gli assegni di rimborso firmati dalla presidenza del Consiglio dei Ministri: il tutto per un amontare complessivo di oltre 15milioni di euro. Un rimborso che per i 7 medici senesi vale complessivamente oltre 220mila euro. “Spero che questo diritto venga riconosciuto anche ai tanti medici ancora in attesa – continua Roberto Monaco – La vertenza tra lo Stato e gli ex specializzandi si trascina ormai da anni, urge una soluzione normativa alla vicenda“. Le azioni colettive sono state portate avanti da Consulcesi, network legale in ambito sanitario.