logo

AREA RISERVATA

logo

Precedente Successivo

Maxi rimborsi a migliaia di medici: “si apre un buco da 4 miliardi”.

Sentenze in tutta Italia: risarcimenti per gli anni di specializzazione

 

 

Dopo la mazzata della Consulta sul blocco delle pensioni e lo stop all’ Iva rovesciata (la reverse charge) da parte dell’ Ue che ha provocato un buco di oltre 700 milioni, si apre un’altra falla nelle casse dello Stato. Decine di migliaia di medici che chiedono il riconoscimento del compenso per gli anni di specializzazione passati in corsia hanno portato palazzo Chigi in tribunale e cominciano ad ottenere i rimborsi. L’esborso totale per lo Stato potrebbe arrivare a 4 miliardi di euro. L’ Italia, infatti, ha tardato ad adeguarsi alle direttive europee (che prevedevano borse di studio e precisi percorsi di specializzazione), generando così una valanga di ricorsi relativi al periodo tra il 1982 e il 2006. La cifra monstre è quella stimata da Consulcesi, una holding internazionale con una schiera di 350 avvocati impegnati nelle cause di area medico-sanitaria. Sono 50mila i camici bianchi che hanno affidato i loro ricorsi nelle mani di questa azienda privata. 

Le corti d’Appello di Roma e Milano e i giudici dei tribunali di Genova, Napoli e Venezia, tra gli altri, hanno già riconosciuto ai medici italiani 373 milioni di euro, di cui una cinquantina solo negli ultimi mesi. Solo a Bologna, ieri, sono stati consegnati assegni per 7milioni, tra i 30mila e i 70mila euro a professionista. Soldi a carico dello Stato (non delle Asl o delle Regioni). Ignorare il problema non era possibile: “La presidenza del Consiglio dei ministri – spiega l’avvocato Consulcesi, Marco Tortorella – ci contatta non appena arriva la notifica della sentenza, per evitare interessi e more“. Anche la politica si sta muovendo: sono stati depositati tre disegni di legge che propongono una transazione, valida però solo per chi ha già presentato ricorso.

Ma non è finita. E’ pronta infatti una class action contro la mancata applicazione della direttiva europea 2003/88 relativa alle ore di lavoro in più. “I medici italiani sono gli unici professionisti a non vedersi riconosciuto il diritto a orari di lavoro e riposo consoni alle loro esigenze”, spiegano a Consulcesi. La holding calcola che potrebbero esserci sul piatto altre tre miliardi di euro di rimborso

 

Sei un medico specialista ’82/2006? Calcola gratis il valore del tuo rimborso: Clicca qui