logo

AREA RISERVATA

logo

Precedente Successivo

Sanità, Consulcesi: 14 mln rimborsi a 500 medici per mancate borse studio

Arrivano 14 milioni di euro per circa 500 medici come rimborsi per il mancato pagamento delle borse di studio durante la specializzazione universitaria tra il 1982 e il 1991. Lo rende noto Consulcesi, la più grande realtà medica in Italia che offre tutela legale ai professionisti del mondo sanitario e che conta più di 50mila clienti. Il tribunale di Roma, con sentenza n.16842/13, ha riconosciuto il risarcimento in maniera immediatamente esecutivo già in primo grado.

Il ricorso dei camici bianchi nasce dal mancato adempimento dello Stato a una direttiva europea che obbligava tutti i Paesi membri a corrispondere una borsa di studio durante gli anni della specializzazione. A fare ricorso anche gli specializzandi che hanno recepito la borsa di studio tra il 1994 e il 2006, ma prive degli oneri previdenziali e della copertura assicurativa dei rischi professionali e degli infortuni. La somma dei rimborsi ottenuti dai camici bianchi attraverso Consulcesi ammonta ora a un totale di 327 milioni.

Consulcesi si è fatta promotrice, lo scorso 3 luglio, di un disegno di legge in Senato per trovare una soluzione organica a un problema che rischia di costare miliardi di euro alle casse dello Stato. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella, lancia la prossima azione collettiva, alla quale si può aderire entro il 20 ottobre: “Invito tutti i medici specializzandi tra il 1982 e il 2006 a informarsi al numero verde 800 122 777 per ricevere una consulenza gratuita”.

Calcola gratis il valore del tuo rimborso: