Consulcesi: supporto consulenziale per le Professioni Mediche
Menu

Entra nell'Area Riservata

Hai dimenticato la tua password?

Non sei iscritto? Prova Gratis Consulcesi Club

Allarme per le aggressioni ai medici in ospedale, ogni anno sono 1200

03/04/2018

Allarme per le aggressioni ai medici in ospedale, ogni anno sono 1200

Una media di tre episodi di violenza al giorno. Lo rivelano i dati Inail 2018: nel 70% dei casi sono donne, soprattutto guardie mediche

OGNI ANNO in Italia si contano 1200 atti di aggressione ai danni dei lavoratori della sanità, che è come dire che il 30% dei 4mila casi totali di violenza registrati nei luoghi di lavoro riguarda medici infermieri ostetriche, farmacisti… insomma coloro che curano o si prendono cura dei cittadini. E nel 70% dei casi le vittime delle aggressioni sono donne, soprattutto guardie mediche.

I LUOGHI DELLE AGGRESSIONI

Parliamo di una media di tre episodi di violenza al giorno (dati Inail 2018), che vanno dalle percosse fino ai tentativi di stupro: l’ultimo quello una dottoressa in un paese del Salento che agli inizi di marzo ha subito un’aggressione a sfondo sessuale durante il turno di notte. Secondo Consulcesi, che ha lanciato un appello all’attenzione sul fenomeno delle aggressioni del personale sanitario, i camici bianchi più a rischio operano nei pronto soccorso, nelle strutture psichiatriche ospedaliere e territoriali, nei luoghi di attesa e nei servizi di geriatria e continuità assistenziale.

I CONTESTI

La violenza emerge in contesti particolari. Ci sarebbe, per esempio, una relazione tra le aggressioni ai medici e l’aumento dei pazienti con disturbi psichiatrici dimessi da strutture ospedaliere o residenziali, tra violenza e diffusione dell’abuso di alcol e droga. La mancanza di limiti all’accesso di visitatori negli ospedali e negli ambulatori rappresenterebbe un’altra situazione di rischio per lavoratori. Così come la lunghezza dei tempi di attesa nei pronto soccorso. O nelle situazioni di carenza del personale. La violenza si manifesterebbe di più nei presidi territoriali di emergenza o assistenza isolati, o dove è scarsa l’illuminazione (parcheggi di ospedali, classicamente), e infine se e dove il personale medico-sanitario non è adeguatamente formato a riconoscere e arginare  l’aggressività.

UNA CARNEFICINA SILENZIOSA

Una recente nota della FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, ha definito le aggressioni ai danni del personale sanitario una carneficina silenziosa, perché “spesso rimane nascosta per vergogna, per pudore di un denuncia che scoperchierebbe situazioni di inadeguatezza o perché quasi messa in conto come componente del rischio professionale“.

UN FENOMENO IN CRESCITA

Il fenomeno della violenza contro i camici bianchi sarebbe anche in crescita: secondo un’indagine realizzata su un campione di oltre 4mila infermieri da NurSind – il sindacato delle professioni infermieristiche – rispetto al 2013, nel 2017 erano aumentate sia le aggressioni verbali, passando dal 41% al 66%, sia quelle fisiche, che rappresentano un terzo di tutti i casi. A far scattare gli aggressori, stando alle informazioni raccolte da  NurSind, sarebbe soprattutto l’insoddisfazione per i servizi e l’organizzazione (sempre di più negli anni: 71,8% nel 2013, 77% nel 2016). Le aggressioni 16 volte su 100 provocherebbero danni fisici.