Consulcesi: supporto consulenziale per le Professioni Mediche
Menu

Entra nell'Area Riservata

Hai dimenticato la tua password?

Non sei iscritto? Prova Gratis Consulcesi Club

Buone pratiche Covid-19: come gestire la sproporzione tra necessità assistenziali e risorse disponibili

05/01/2021

Buone pratiche Covid-19: come gestire la sproporzione tra necessità assistenziali e risorse disponibili

È stato pubblicato nella Sezione Buone Pratiche del sito Sistema Nazionale Linee Guida dell’Istituto superiore della Sanità il documento “Decisioni per le cure intensive in caso di sproporzione tra necessità assistenziali e risorse disponibili in corso di pandemia da covid-19”.

Questo documento, frutto del lavoro delle Società Scientifiche SIMLA e SIAARTI, vede la partecipazione fra i redattori di eminenti figure del mondo giuridico e medico scientifico.

Osservazione degli Enti direttamente interessati
La pubblicazione è finalizzata all’apertura della prevista procedura di consultazione pubblica del documento, che implica la partecipazione di tutti gli Enti potenzialmente interessati (società scientifiche e tecnico professionali, associazioni e rappresentanti di cittadini, pazienti e familiari caregiver, istituzioni e comunità religiose, industria, istituzioni pubbliche nazionali e regionali, università, istituti di ricerca pubblici e privati) che invieranno le loro considerazioni alle società promotrici del documento, le quali valuteranno poi eventuali modifiche al contenuto del documento predisposto.

Obiettivi del documento
Questo documento si prefigge l’obiettivo generale di offrire ai professionisti sanitari uno strumento idoneo a rispondere in modo appropriato all’attuale situazione di emergenza nel caso in cui si verificasse, come già avvenuto peraltro in alcune zone d’Italia, uno squilibrio tra domanda di assistenza sanitaria e risorse disponibili.

Sono inoltre obiettivi specifici:

  • fornire ai professionisti sanitari criteri condivisi (cd. triage pandemico) per l’ammissione, la permanenza e la dimissione dei pazienti nel livello di ricovero ad alta intensità di cure;
  • orientare verso un appropriato trattamento i pazienti a livelli di media e bassa intensità di cure;
  • garantire la trasparenza delle scelte degli operatori sanitari attraverso una chiara esplicitazione dei criteri decisionali;
  • preservare il rapporto di fiducia tra cittadini, operatori sanitari e SSN durante l’emergenza.

Prospettive di applicazione delle linee guida
Questo documento potrebbe diventare, all’esito del completamento della procedura avviata, un riferimento utile per la valutazione giuridica e medico legale della responsabilità sanitaria nell’ambito della gestione dei casi Covid-19.
È ben vero che le raccomandazioni dovranno sempre essere apprezzate alla luce del caso concreto, ma ciò non toglie che il primo paradigma sarà sempre la verifica se il sanitario ha seguito o meno quanto stabilito dalle linee guida, e in difetto, dalle buone pratiche clinico assistenziali.

Peraltro, nel frattempo, le indicazioni contenute sono state inserite proprio nella sezione delle buone pratiche e quindi dovrebbero essere seguite dal personale sanitario come imposto dall’art. 5, comma 1, della legge n. 24/17 in conclamata assenza di Linee Guida approvate.

È importante, dunque, che tutti i professionisti operanti nel settore siano informati sulle pratiche da seguire al fine di non incorrere in gravi responsabilità, soprattutto alla luce dell’aumento delle denunce a carico dei medici negli ultimi mesi.

Consulcesi su questo fronte è attiva con una serie di servizi dedicati all’ascolto e alla consulenza legale verso medici e operatori sanitari che hanno dubbi di natura giuridica o assicurativa.
Per i clienti di Consulcesi Club è disponibile gratuitamente il servizio di consulenze legali, mentre per entrare in contatto con il nostro network, Consulcesi & Partners consente di ottenere assistenza legale specializzata nel settore medico sanitario, pur non diventando clienti Consulcesi.