Consulcesi: supporto consulenziale per le Professioni Mediche
Menu

Entra nell'Area Riservata

Hai dimenticato la tua password?

Non sei iscritto? Prova Gratis Consulcesi Club

Essere Donna. Terapie naturali per la sindrome premestruale e la menopausa

22/04/2021

Essere Donna. Terapie naturali per la sindrome premestruale e la menopausa

Giovedì 22 aprile 2021, in occasione della Giornata Nazionale della Salute della Donna, Consulcesi lancia il corso di formazione ECM per i professionisti della sanità “Essere Donna. Terapie naturali per la sindrome premestruale e la menopausa” su come affrontare e prevenire i fastidiosi sintomi legati alla sindrome premestruale e alla menopausa, attraverso una corretta alimentazione e uno stile di vita sano.

La sindrome premestruale in forma severa interessa tra il 3 e il 5% della popolazione femminile, mentre la forma di sindrome più lieve o moderata interessa ben il 40% delle donne in età fertile rendendo i giorni che precedono le mestruazioni dolorosi, difficili da gestire e imprevedibili. Gonfiore, irritabilità, irrequietezza, flessione dell’umore, facilità al pianto, si ripetono ogni mese caricando la donna di disagio ed ansia anticipatoria.

Come spiegato dalla Dott.ssa Serena Missori, docente del corso, “Clinicamente la sintomatologia è rappresentativa di un disturbo dello spettro ansioso-depressivo con numerosi aspetti patologici sul versante comportamentale quali una facile irritabilità, un incremento del fumo di sigarette, un’insolita impulsività o un’alterazione della condotta alimentare (abuso di cioccolata o dolci per la carenza di magnesio e triptofano)”.
Ai sintomi che riguardano la sfera emotiva si aggiungono quelli somatici come la mastodinia, il meteorismo, la cefalea e la ritenzione idrica di mani e piedi.

Secondo diversi studi scientifici, le donne che soffrono, in età fertile, di forme moderate o severe di sindrome premestruale, una volta arrivate alla menopausa, hanno un rischio maggiore di soffrire di vampate di calore, di umore depresso, di difficoltà nel sonno e di ridotto desiderio sessuale. Questo fa pensare che esista effettivamente una vulnerabilità neuronale sia alle aumentate fluttuazioni ormonali associate alla sindrome, sia alla successiva carenza estrogenica post-menopausale.

La menopausa può creare, infatti, una sensazione di disagio che porta le donne a non sentirsi più giovani e desiderabili. I problemi di salute sembrano esplodere da un momento all’altro, la qualità del sonno è terribile, con tantissimi risvegli notturni e stanchezza accumulata. A questi sintomi si aggiungono i rischi di malattie cardiovascolari e l’aumento di patologie osteoarticolari.

È appurato che la Sindrome Premestruale e la menopausa siano fenomeni complessi che coinvolgono sia la sfera psichica sia la sfera fisica, per questo le terapie da intraprendere devono necessariamente tenere in considerazione entrambi gli aspetti. Tra le cure non farmacologiche è di sicuro beneficio l’introduzione di misure dietetiche adeguate alla tipologia della persona e all’entità della sintomatologia, nonché modifiche allo stile di vita specifiche e personalizzate in base all’intensità dei sintomi.