Consulcesi: supporto consulenziale per le Professioni Mediche
Menu

Entra nell'Area Riservata

Hai dimenticato la tua password?

Non sei iscritto? Prova Gratis Consulcesi Club

L’identikit del medico “primo della classe” nella formazione ECM

07/12/2017

L’identikit del medico “primo della classe” nella formazione ECM

I risultati dell’indagine a ridosso della scadenza del 31 dicembre: donna, medico di base e del Centro-Sud.

Rivoluzione “rosa” nella formazione ECM, soprattutto nelle nuove modalità a distanza. Emerge anche un altro dato interessante: i medici più esperti sono i più attenti all’aggiornamento. E anche per loro la metodologia più utilizzata è la Fad.

A rivelarlo il sondaggio che abbiamo effettuato su un campione di 9121 medici in regola con gli obblighi formativi, che hanno risposto alle nostre domande a poche settimane di distanza dalla scadenza della proroga fissata al 31 dicembre 2017 per completare il triennio formativo 2014-2016.

I medici esperti sono più dediti alla formazione.
In riferimento al dato anagrafico, emerge con chiarezza che i medici più assidui nella formazione sono quelli dai 46 ai 60 anni (il 48% degli intervistati) seguiti dagli over 60 (33%). Percentuali che evidenziano la necessità, da parte dei camici bianchi che già da anni esercitano la professione, di essere aggiornati su tecnologie innovative, approcci terapeutici e – in generale – nuove patologie.

Donne in pole position.
In un quadro che ancora vede la professione medica a prevalenza maschile, il primato è delle donne nella formazione (51% dei casi). Una “svolta in rosa” evidentemente correlato alla sempre maggiore presenza delle donne medico, soprattutto nelle nuove generazioni.

Il Centro-Sud prevale.
La distribuzione geografica dei medici più formati è piuttosto omogenea, ma mostra comunque una prevalenza del Centro-Sud: Lazio (18%), Campania (15%), Sicilia (10%), Puglia (8%) e Calabria (5%) sono le Regioni di provenienza di più della metà degli intervistati; significativi, comunque, anche i dati del Nord, Lombardia in primis (15%).

I più bravi sono i medici di Medicina Generale.
Altro elemento significativo è rappresentato dal fatto che sono i medici di Medicina Generale i più assidui nella formazione (17% degli intervistati). Nella “top 5” delle specializzazioni attente all’ECM troviamo anche Anestesia e Rianimazione (15%), Chirurgia Generale (13%), Pediatria (11%) e Ginecologia e Ostetricia (9%).

La modalità preferita è la Formazione a Distanza.
Complice la diffusione delle nuove tecnologie, la maggioranza dei medici “primi della classe” ormai punta sulla Formazione a Distanza (FAD); il 63% la preferisce alla formazione blended (mista), ai corsi residenziali e alla formazione sul campo.