logo

AREA RISERVATA

logo

background image
Precedente Successivo

Ebola, arriva il film che racconta tutta la tragedia

Dopo aver riempito giornali e tg l’epidemia di Ebola ancora in corso in Africa occidentale sbarca sul grande schermo. Il film “E-bola“, che si ispira alle vicende di cronaca, fa parte di un progetto di Consulcesi Club, che comprende anche alcune pillole realizzate dagli attori per la formazione del personale sanitario, ed è stato presentato ieri a Roma in anteprima mondiale nella sede del Ministero della Salute.

E-bola” racconta la storia di sei ricercatori provenienti da tutto il mondo che lavorano a un vaccino per il virus e si ritrovano a combattere l’epidemia. Tra le fonti di ispirazione anche la storia di Fabrizio Pulvirenti, il primo paziente italiano. Ad interpretare i ricercatori Paolo Bernardini, Melanie Gerren, Valentina Izumi, Silvia Mazzotta, Robin Mugnaini e Benjamin Stender.

Abbiamo lavorato insieme a un team di ricercatori e medici per cercare di essere perfetti dal punto di vista scientifico – spiega il regista Christian Marazzitima grazie al lavoro degli attori siamo riusciti ad ottenere anche una storia molto bella, piena di sentimento e di tensione drammatica”.

I video destinati alla formazione saranno a disposizione gratuitamente di tutti gli operatori sanitari del mondo che li richiederanno, ha spiegato il Ceo di Consulcesi Group Massimo Tortorella, mentre per il film ci sono contatti in corso con alcuni distributori, soprattutto televisivi, e richieste da alcuni festival. “Con questa pellicola abbiamo sperimentato un nuovo modo di formare, interessando l’operatore sanitario insieme al grande pubblico – ha spiegato -. Questo è il primo di una serie di progetti che stiamo realizzando, fra cui uno sui vaccini“.